Poteri pubblici, iniziativa economica e imprese

Poteri pubblici, iniziativa economica e imprese
Autore:  Sveva Del Gatto
Editore: RomaTrE-Press
Data di pubblicazione: luglio 2019
Pagine: 236
ISBN: 978-88-32136-33-3
n° downloads ad oggi: 520

Abstract

Il momento dell’avvio di un’attività economica rappresenta lo snodo critico, il punto chiave del rapporto tra Stato e impresa e dell’interazione tra poteri amministrativi di controllo e autonomia imprenditoriale. La regolazione di questa fase da parte del legislatore e, in fase di attuazione, il condizionamento di essa da parte delle amministrazioni, incidono notevolmente su una pluralità di interessi, sia individuali, sia di rilevanza generale. Per l’ordinamento, la facilità di ‘fare impresa’ e in particolare, quella di avviare un’attività economica è di rilevante interesse in quanto elemento che incide sugli investimenti e sullo sviluppo economico del Paese. Dal punto di vista dell’impresa, la disciplina dell’avvio dell’attività economica, in quanto idonea a conformare e condizionare la futura esistenza dell’impresa, è determinante nel configurare l’ampiezza dell’autonomia privata nel perseguimento dei fini individuali, in primis quello lucrativo. La configurazione che assume la disciplina dell’accesso, infine, è rilevante anche per le imprese già presenti sul mercato, che potrebbero ricevere dalle norme pubblicistiche una protezione diretta o indiretta dalla concorrenza, e che in ogni caso, hanno un interesse qualificato a che su quel mercato operino solo soggetti che rispettino i requisiti richiesti dalla legge. Non è un caso quindi, che la fase dell’accesso al mercato costituisca l’oggetto privilegiato della disciplina pubblicistica delle imprese e che la scienza giuridica vi abbia dedicato numerose e approfondite ricerche. Ma come si configura oggi questa regolazione? Come si atteggia oggi la libertà di iniziativa economica, quale situazione giuridica soggettiva individuale tutelata dalla costituzione economica italiana ed europea, nei confronti dei numerosi condizionamenti pubblicistici in entrata tuttora esistenti? Il rapporto tra imprese e pubblici poteri che caratteristiche ha e come ha inciso su di esso la recente crisi economia e finanziaria? Per rispondere a queste domande, nel volume sono analizzati, attraverso lo studio della normativa e della giurisprudenza, i condizionamenti pubblici all’iniziativa economica privata in alcuni settori considerati rappresentativi dei rapporti tra Stato ed economia, quali quello delle attività produttive (industria, servizi e agricoltura), quello della distribuzione commerciale con specifico riferimento al commercio al dettaglio, alle farmacie e ai distributori di carburante e, infine, il settore creditizio. Lo studio affianca al dato normativo, che pur si è detto centrale, quello giurisprudenziale.

Nella stessa collana

A cura di: Andrea Carbone, Enrico Zampetti, Flaminia Aperio Bella
A cura di: .Giuseppe Grisi, Federica Rassu
Maria Stella Bonomi
Barbara Cortese
Enrico Toti
A cura di: Flavia Lattanzi
A cura di: Giorgio Resta
A cura di: Martina Sinisi, Nicola Posteraro
A cura di: Marco Ruotolo
A cura di: Barbara Cortese, Rita Benigni
Vincenzo Zeno-Zencovich
A cura di: Patrizio Gonnella, Stefano Anastasia
A cura di: Giuseppe Grisi
Elena Poddighe
A cura di: Alessandro Somma, Andrea Fusaro, Giuseppe Conte, Vincenzo Zeno-Zencovich
Gabriele Maestri
A cura di: Cesare Salvi, Giuseppe Grisi
A cura di: Carlo Cardia, Rita Benigni
Gabriele Nuzzo
Valentina Viti
A cura di: Angelo Danilo De Santis
A cura di: Antonella Massaro, Martina Sinisi
Marco Gambacciani
Vincenzo Zeno-Zencovich
A cura di: Antonella Massaro
A cura di: Rita Benigni
A cura di: Andrea Gemma, Antonella Massaro, Barbara Cortese, Ettore Battelli
A cura di: Paolo Carnevale
A cura di: Domenico Dalfino