L’effettività della tutela in materia di lavoro

Ilaria Pagni

Abstract


Lo studio affronta l’analisi degli strumenti di tutela giurisdizionale predisposti in materia di lavoro al fine di misurarne l’effettività. Partendo dal presupposto per cui l’effettività del rimedio giurisdizionale ex art. 24 Cost. viene spesso a coincidere con la predisposizione di strumenti di tutela specifica, l’Autrice ripercorre, da un lato, i mutamenti della disciplina processuale e sostanziale applicabile nelle ipotesi di illegittima risoluzione del rapporto di lavoro, a partire dalla legge n. 604/1966 e lo Statuto dei lavoratori fino alle modifiche apportate dalla cd. legge Fornero e dal D.Lgs. 4 marzo 2015, n. 23, evidenziando una progressiva riduzione delle ipotesi di tutela specifica in favore della tutela per equivalente, con quanto consegue in termini di effettività del rimedio; dall’altro lato, vengono ricordati gli strumenti processuali che hanno assicurato una maggiore effettività al credito da lavoro, tra cui le previsioni speciali di provvisoria esecutività di determinati provvedimenti giurisdizionali, misure coercitive specificamente previste nonché il centrale utilizzo del provvedimento d’urgenza quale strumento di impulso alla rapidità della tutela.

Parole chiave


Contratto di lavoro; strumenti di tutela; effettività

Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.