Terrorismo e clausole di esclusione nella giurisprudenza della Corte di giustizia

Claudia Morviducci

Abstract


Il presente lavoro esamina le modalità di applicazione delle clausole di esclusione dallo status di rifugiato contenute nella direttiva 2011/95 dell’Unione europea, con particolare riferimento alle persone accusate di attività riconducibili al terrorismo. La giurisprudenza in materia non si presenta univoca, oscillando tra le opposte esigenze di garantire la sicurezza - particolarmente avvertite dopo gli attentati sul suolo europeo - e quella di tutelare i diritti dell’uomo, rispettando anche gli obblighi dettati dalla Convenzione di Ginevra del 1951 e da altri Trattati internazionali.  Un contributo importante è quello della Corte di giustizia dell’Unione europea, orientata nel senso della necessità di una verifica circa il concreto comportamento del soggetto.


Parole chiave


- Stato di rifugiato; - Diritto dell’Unione europea; Terrorismo; - Diritti dell’uomo

Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.