The EU General Court quashes an ECB decision: towards a new chapter on prudential supervision and judicial review?

Gianluca Buttarelli

Abstract


Il Tribunale dell'Unione europea invalida le decisioni della BCE, che ha rifiutato a sei enti creditizi francesi la possibilità di escludere dal calcolo del coefficiente di leva finanziaria talune esposizioni relative ai conti di risparmio francesi. La BCE ha poteri discrezionali di concedere o meno tale esclusione, poiché l'esistenza di tale potere discrezionale dovrebbe essere chiara dal testo del Regolamento (UE) n. 575/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 giugno 2013. Tuttavia, per la Corte, la BCE ha commesso un errore di diritto e commesso errori manifesti di valutazione, avendo ritenuto che il meccanismo di trasferimento del CDC agli enti creditizi è imperfetto ed ha sollevato preoccupazioni da un punto di vista prudenziale. Data la natura generale delle valutazioni effettuate dalla BCE e la mancanza di un esame dettagliato delle caratteristiche del caso specifico in questione, la decisione di rifiuto della BCE è manifestamente errata.

Parole chiave


UE ; discrezionalità; credito;

Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.