Confini Mobili. Identità e culture nel Mediterraneo nell’ottica di una sociologia ‘con’ il mare

Emilio Cocco

Abstract


La riflessione sociologica ha posto finora scarsa attenzione al tema del rapporto tra persone e spazio marittimo, dando spesso per scontate rappresentazioni “naturalmente” terrestri della società o immagini derivate dai classici del pensiero sociologico che hanno spesso lasciato inevasa la domanda sul dove si trovi la società e quali siano i suoi confini. Questa breve riflessione, parlando nello specifico del contesto mediterraneo, vuole anche essere un piccolo contributo al dibattito scientifico del nostro paese introducendo i risultati del rinnovato interesse inter-disciplinare per il mare e gli oceani delle scienze sociali. In parole semplici, una prospettiva criticamente e genuinamente marittima aspira a osservare le persone e le loro relazioni ‘nel, con e attraverso’ il mare, e a non estrometterlo come puro ambiente non sociale. Tanto il mar Mediterraneo dell’antichità che l’oceano della società globale hanno un tratto comune: presentano uno status ambivalente che è il risultato della costruzione sociale di uno spazio non possedibile di per sé, ma in cui e attraverso cui il potere statuale può essere legittimamente esercitato al fine di tutelare i propri interessi.


Parole chiave


Mare; Confini; Mediterraneo; Sociologia; Globalizzazione

Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.