Il pensiero letterario come fondamento di una testa ben fatta


Immagine della homepae della rivista
Curatore: Marina Geat
Editore: 
RomaTrE-Press
Data di pubblicazione: febbraio 2017
Pagine: 258
ISBN: 978-88-94885-05-7

La pubblicazione degli Atti del convegno internazionale Il pensiero letterario come fondamento di una testa ben fatta si propone di dare ampia disseminazione a riflessioni di studiosi che, a partire da approcci disciplinari diversi, si interrogano tutti circa l’importanza del testo letterario quale fattore strutturante di un modo complesso e ricco di guardare il mondo; di comprendere meglio se stessi e gli altri; di concepire la rete di relazioni, nel tempo e nello spazio, che  compone il nostro ambiente di vita, fisico e mentale; di elaborare nuove prospettive di visione o forme di accesso alla realtà e al linguaggio più intime e dirette, come fa, ad esempio, la poesia. 

Sul solco del concetto di “testa ben fatta”, da Montaigne a Edgar Morin, la letteratura appare come una fondamentale modalità di connessione e di comprensione dei molteplici aspetti che realizzano la nostra umanità, per noi che siamo, innanzi tutto, degli «esseri di parola e di testi». Le Scienze dell’educazione traggono certamente vantaggio da questa consapevolezza, anche, o soprattutto, nel mondo attuale. 

 

PRINT ON DEMAND

Per ordinare copie a stampa rivolgersi alla redazione RomaTrE-Press:
Dott.ssa Serena Mancinetti
e-mail: serena.mancinetti@uniroma3.it

 

Il pensiero letterario come fondamento di una testa ben fatta

Sommario

Pubblicazione completa

 

Contributi

Introduzione
Marina Geat
Veronic Algeri
Anne Schneider
Dario Prola
Viviane Devriésère
Vincenzo A. Piccione
Gilberto Scaramuzzo
Marina Geat
Anne Douaire-Banny
Émilie Zunzunegui
Michele Tortorici
Najm Bou Fadel
Ornella Canestraro, Ivano Capocciama
Emilia Ciampanella
Dagmar Reichardt