Necessità e libertà in Sartre - Tra il progetto incompiuto di un’etica esistenzialista e il materialismo di Critica della ragione dialettica

Maria Russo

Abstract


In questo contributo s’intende indagare il cambiamento nella concezione di libertà di Jean-Paul Sartre da L’essere e il nulla a Critica della ragione dialettica, transitando per il tentativo di formulare un’etica esistenzialista nei Quaderni per una morale. All’interno dell’opera di Sartre, si passa da una libertà radicale e assoluta a una condizionata dal contesto storico e dal residuo ineliminabile del pratico-inerte. Dalla possibilità sempre aperta della libertà si approda all’ingresso della Necessità nella storia e nelle dinamiche di contro-violenza che si sviluppano a partire dalla lotta di classe, in una visione più conciliatoria con il marxismo e con la psicanalisi. Nonostante questa incarnazione della libertà impegnata degli anni Sessanta, al termine della sua vita, nell’ultima controversa intervista, Sartre rimpiangerà il suo tentativo mancato di elaborare una morale esistenzialista e, ancora una volta, rimetterà in discussione le sue categorie per recuperare un aspetto normativo del suo esistenzialismo.

Parole chiave


Sartre; libertà; marxismo; autenticità; fraternità; violenza

Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.