Riflessioni sul verbo ‘avere’

Paolo Virno

Abstract


Il saggio intende mostrare l’importanza che spetta al verbo ‘avere’ nella descrizione della natura umana. Dire che Homo sapiens ha un corpo, ha il linguaggio, ha la coscienza, ha la vita significa mettere in rilievo uno scarto, o comunque la non identità, tra Homo sapiens e le sue proprietà essenziali. Lo stesso scarto, o non identità, che sussiste sempre tra chi possiede qualcosa e la cosa posseduta. Utilizzando le osservazioni di Emile Benveniste sulla derivazione del verbo ‘avere’ dalla forma ‘y è a x’, ‘mihi est aliquid’, si cerca di mettere a fuoco un tipo di inerenza molto diversa da quella canonica soggetto/predicato.


Parole chiave


autocoscienza, uso di sé, distacco, suicidio, preposizioni

Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.