Quando la carne si fa verbo. La religione tra bios e logos

Sergio Fabio Berardini

Abstract


In questo articolo, interpreto la religione come un caratteristico sistema di narrazioni e pratiche che agevola e difende il critico passaggio dalla natura alla cultura, ovvero il processo antropogenetico. In particolare, la religione è vista come una ‘tecnica mitico-rituale del corpo’ che permette agli esseri umani di ‘addomesticare’ la propria eredità biologica, dando ad essa significato, senso e ordine. Inoltre, sostengo che la religione (1) è utile nell’‘appagare’ in modo controllato quelle emozioni critiche (paura, angoscia, stupore, ecc.) che potrebbero causare crisi esistenziali e psicologiche; e (2) aiuta a difendere il Sé umano. Infine, propongo la tesi che gli elementi che compongono il corredo simbolico-rituale di ogni religione sono tratti dalla sfera biologica e dall’ambiente in cui una particolare comunità vive.


Parole chiave


Filosofia della religione; religione e biologia; religione e scienze cognitive; tecnica mitico-rituale; forme di vita; natura e cultura

Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.