La discrezionalità nel diritto penale

Autore:  Franco Bricola
Editore: RomaTrE-Press
Data di pubblicazione: febbraio 2024
Pagine: 460
ISBN: 979-12-5977-300-5
n° downloads ad oggi: 398

Abstract

Il lavoro che qui si ripubblica consolida una più generale visione di Franco Bricola sul diritto penale nel suo momento più cruciale, quello della applicazione da parte del giudice e degli spazi di discrezionalità che la norma ed il sistema attribuiscono all’interprete. A ben vedere si tratta di un’opera sul potere giudiziario penale le cui intuizioni si proiettano anche a 60 anni di distanza.
Il primo ed il terzo capitolo, incentrati sulla discrezionalità nella commisurazione delle pene, interrogano la società sulla Giustizia e – in tempi in cui si prospettano meccanismi di “intelligenza artificiale” per la loro determinazione – sulla costante tensione fra libertà e sanzione, fra prevenzione e punizione.
Il secondo capitolo rilegge il sistema alla luce delle norme costituzionali ed in particolare della nozione di tassatività della norma penale – scripta, stricta, certa et praevia – ponendo i limiti ad una interpretazione espansiva nella quale la discrezionalità trascolora in arbitrio.

">

Il lavoro che qui si ripubblica consolida una più generale visione di Franco Bricola sul diritto penale nel suo momento più cruciale, quello della applicazione da parte del giudice e degli spazi di discrezionalità che la norma ed il sistema attribuiscono all’interprete. A ben vedere si tratta di un’opera sul potere giudiziario penale le cui intuizioni si proiettano anche a 60 anni di distanza.
Il primo ed il terzo capitolo, incentrati sulla discrezionalità nella commisurazione delle pene, interrogano la società sulla Giustizia e – in tempi in cui si prospettano meccanismi di “intelligenza artificiale” per la loro determinazione – sulla costante tensione fra libertà e sanzione, fra prevenzione e punizione.
Il secondo capitolo rilegge il sistema alla luce delle norme costituzionali ed in particolare della nozione di tassatività della norma penale – scripta, stricta, certa et praevia – ponendo i limiti ad una interpretazione espansiva nella quale la discrezionalità trascolora in arbitrio.

Franco Bricola’s book on discretionality in criminal law  marks a distinctive – but not always followed – feature of continental European systems: That of the certainty of criminal norms and sanctions expressed by the Latin formula “scripta, stricta, certa et praevia”. Bricola’s work is still a guide in times in which one discusses and experiments IA systems in sentencing, and when the Courts appear to be entrusted with a creative role in the interpretation of the law.

">

Franco Bricola’s book on discretionality in criminal law  marks a distinctive – but not always followed – feature of continental European systems: That of the certainty of criminal norms and sanctions expressed by the Latin formula “scripta, stricta, certa et praevia”. Bricola’s work is still a guide in times in which one discusses and experiments IA systems in sentencing, and when the Courts appear to be entrusted with a creative role in the interpretation of the law.

Nella stessa collana

Giuliano Amato
Stefano Rodotà
Carlo Cardia
Michele Taruffo
Giovanni Tarello
Vittorio Frosini
ANGELO ERMANNO CAMMARATA
Giovanni Tarello
Sergio Chiarloni
Gino Gorla
Gino Gorla
Luigi Caiani
Piero Calamandrei
Piero Calamandrei
Piero Calamandrei
Piero Calamandrei
Piero Calamandrei
Piero Calamandrei
Piero Calamandrei
Piero Calamandrei
Piero Calamandrei
Piero Calamandrei